Come eliminare le macchie

Sono la mamma orgogliosa di uno splendido undicenne luce dei miei occhi stella della mia vita edera che mi avvolge (amore dopo dai alla mamma tua due tronky che con questa sviolinata se li è proprio meritati :-P altrimenti se il mio sedere dovesse diminuire delle misure attuali non sarebbe più la portaerei che è ;-)), dicevo di uno splendido undicenne che quando torna a casa a scuola sui vestiti e sul grembiule ha spesso di quelle macchie spettacolari. Codeste macchie appena le si guarda sembrano iniziare una lotta serrata a chi la dura la vince fra noi due “non mi avrai mai!” “tzè questo lo credi tu pivella”. E non vorrete mica che ne esca sconfitta vero?
Macchie di tratto-pen, evidenziatori, cancellina (o bianchetto come lo chiama la mitica Barbara) e varie ed eventuali.
Le mamme di bambini piccoli (belli loro vi serve una baby-sitter per caso?) e che usano i pannolini (ancora me li sogno di notte quelli di mio figlio trasbordanti fino all’inverosimile) a volte a causa di straripamenti vari si trovano delle graziose macchie color cioccolato.
E come togliere tutti questi simpatici ricordini?

La parte fondamentale è la fase di smacchiatura (non avrai mai i miei vestiti macchiettina dei miei stivali!):

- Se la macchia è rigida o un pochino spessa possiamo grattare via la parte solida con un cucchiaino dalla punta arrotondata (per ammortirla usare un po’ di burro o olio);
– Si posa la parte da smacchiare sopra una tela pulita, ripiegata più volte su se stessa, poi si interviene con lo smacchiatore sul rovescio, in modo da far assorbire al panno sottostante lo sporco della macchia.
– Si applica lo smacchiatore liquido a poco a poco, facendolo penetrare con un tampone di stoffa di lino o di cotone oppure con una spazzolina morbida. Si tampona (wè non sfregate mi raccomando) e con un movimento dall’esterno della macchia verso il centro, in  modo da non spandere lo sporco.
– Quando lo sporco sarà sparito completamente (t’ho fregato io stavolta hahahahhha) , sciacquate con uno straccetto pulito imbevuto di acqua e ben strizzato.
– Lasciate asciugare bene e se necessario si tolgono gli aloni utilizzando acqua calda e aceto, cospargendo la zona con polvere assorbente, con un prodotto sgrassante o con un lavaggio con acqua e detersivo.

Vi è mai capitato che nonostante abbiate tolto la macchia siano rimasti degli antiestetici aloni? Nella migliore delle ipotesi si elimina lavando il capo (e se rimane avete la sensazione di avere le frecce direzionali che vi seguono passo passo tanto per non far passare inosservata la macchia che sfortunatamente non vi molla?). Per evitarne la formazione, nei tessuti lavabili e chiari, si può applicare sulla macchia il solvente impastato con un assorbente in polvere. Soluzione migliore è utilizzare uno smacchiatore a secco spray (efficace anche sulla lana e sulla seta) che contiene in un solo prodotto il solvente e l’assorbente. Se il tessuto è lavabile, si può anche inumidirlo e strofinare sulla macchia un po’ di detersivo liquido e poi sciacquare. Su alcuni tessuti non lavabili invece, a volte, basta una semplice grattatina con l’unghia o una stropicciata con le mani per far sparire completamente l’alone.
Purtroppo ci sono macchie per le quali bisogna intervenire subito (altro che speedy gonzales) e rimuoverle con acqua a temperatura ambiente: acidi (aceto, succo di limone), amidi (impasto per pane e pizza), bevande alcoliche (vino, birra, sidro, liquori), bianchetto (se ha una composizione a base acquosa), bibite, caffè, caramello, candeggianti al cloro, collutorio, cereali (sia cotti che secchi), creme di bellezza, dentifricio, detergenti per metalli, marmellate, miele, prodotti depilatori, pomodoro, sangue, sciroppi, succhi di frutta, tabacco, nicotina, tè, uova, urina, verdura, zuccheri.

E quando ci sembra di averle provate tutte ma proprio tutte queste fetentine di macchie non se ne vogliono andare (ma proprio al mio vestito preferito ti dovevi affezionare? Cosa ti ha fatto di male porello?) E ultima spiaggia è ricorrere per i capi che tollerano (controllate sempre l’etichetta che non voglio trovarvi sotto al mio balcone e non per cantarmi una serenata ahhahahha) alla candeggina. Il candeggio è un processo attraverso l’ossidazione si bruciano le macchie scolorandole o facendo scolorare ma contemporaneamente indebolisce le fibre e scolorisce i tessuti. Quindi parola d’ordine ATTENZIONE.

Prima di tutto usate i guanti non fate come me che faccio tutto a mani nude (anche se uso l’ammoniaca) e prestate attenzione a questi punti:

- non versare candeggina pura sulla macchia altrimenti si corrode il tessuto;
– versare 1-2 cucchiai di candeggina ogni litro d’acqua;
– l’acqua deve essere fredda, se usate acqua bollente otterrete l’effetto contrario e le macchie si fisserebbero e non scolorirebbero;
– per i soli panni bianchi vanno lasciati in ammollo per circa un’ora mentre i colorati per 10 minuti;
– risciacquate con acqua e aceto.

Et les jeux sont fait! :-)

Fonti:

- La banda dei sei

Foto:

- A tutto net

Tag: , ,

7 Risposte to “Come eliminare le macchie”

  1. liberaamazzone Says:

    Ma come fai ha conoscere tutte queste tecniche…tu mi fai paura! E poi la squinternata sarei io? Ma?! Povero bambin!

  2. Claudia *-cipi-* Says:

    per l’inchiostro delle stilografiche quei prodotti all’ossigeno sono fenomenali.
    un paio di volte mi hanno tolto persino del sangue vecchio. :D
    la candeggina la odio cordialmente.

    questa non so se dirla

    mia nonna (pace all’anima sua) sulle macchie resistenti metteva… saliva (bleaaaaa, però funzionava: un bello sputazzo o anche due e tanto olio di gomito)

  3. Annalisa Says:

    La macchia di bianchetto che mi perseguita è sul cardigan di lana di mio figlio..( il mio ne ha dodici e le macchie sono in proporzione ghghg) è Vecchia e il maglione di lana pura, di un bel grigio ferro che col bianchetto fa un contrasto da meraviglia :S..come la levo? Il Capo è nuovo…( me triste)

  4. davide Says:

    Un panno inbevuto e strizzato di latte caldo.
    Il latte deve essere scaldato per bene, strofinare sul capo e poi metterlo in lavatrice per togliere eventuali residui di latte.
    questo metodo funziona sia per la lana, zaini e jeans.
    Avvertenza per la lana:
    Il panno non deve essere troppo inbevuto perchè si rischia di inzuppare anche il maglione.

    • casacesira Says:

      Ciao Davide e benvenuto a casa di Cesira :-). Grazie per il tuo consiglio! Mi fa davvero piacere sapere questi piccoli trucchi che hanno un valore aggiunto se a proporli è un uomo! Complimenti!

  5. ANTO Says:

    HO MACCHIATO UNA TRAPUNTA CON DELLA CREMA DEPILATORIA!!! HELP….SEMBRA NON ANDAR VIA!ANZI LA ZONA SEMBRA AVER CAMBIATO COLORE!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: